Il countdown al matrimonio, per certi versi, assomiglia ad una gara di atletica leggera: i 110 metri ostacoli. Dapprima ci si inginocchia, poi si lotta contro il tempo ed, infine, si taglia il traguardo stremati, con il cuore che batte all’impazzata, con il fiato corto e con la vista annebbiata.

È tutto così veloce ed impegnativo, che spesso non si vive serenamente tutta quella fase di preparazione spasmodica ed elettrizzante.

Per fare in modo che la programmazione delle nozze non rimanga un ricordo sfocato e stressante, abbiamo deciso di lasciarvi alcuni pratici consigli.

#1 – LA FESTA È SOLO L’ADDIO AL CELIBATO E AL NUBILATO?

Molte coppie vivono soltanto una notte da leoni nel giorno del loro addio al celibato o al nubilato. Tutto quello che succede in quelle poche ore da celibi o da nubili deve rimanere tra voi, i vostri testimoni di nozze e gli amici.

Non sono ammesse macchine fotografiche o telefonini che potrebbero riprendere scene a dir poco deplorevoli, sicuramente imbarazzanti e decisamente ambigue. Tutto questo va bene ed è contemplato. Ma per godere appieno di quel lasso di tempo che vi conduce all’altare o a pronunciare “Sì”, forse, è necessario celebrare più di una festa.

Non deve essere dello stesso livello dell’ultima notte da celibe o da nubile, ma può essere ugualmente fruttuosa sotto altri punti di vista. Ad esempio, la futura sposa e le sue amiche potrebbero organizzare un party per scrivere a mano tutti gli inviti. Lo sposo, insieme ai suoi amici, potrebbe pensare alla serenata, ma anche alla playlist da ballare insieme agli altri invitati.

#2 – IL TEMPO PER IL VESTITO

La ricerca dell’abito perfetto non deve essere affannosa. Non può trasformarsi in una via crucis. Ci vuole lo spirito giusto e il tempo necessario. In compagnia delle vostre damigelle o delle vostre amiche più strette potete recarvi negli atelier per provare quello che indosserete nel giorno delle nozze. Una foto, scattata con un semplice telefonino, potrebbe essere non solo un ricordo, ma un valido strumento per la selezione finale.

#3 – LA COMPILAZIONE DEL TABLEAU PUÒ DIVENTARE FRIZZANTE

Ognuno ha il suo posto. Non è semplice, e lo sappiamo, compilare il tableau. Tra gli invitati ci sono simpatie ed antipatie. Per far funzionare tutto serve tanta pazienza. Lo stress può svanire o allentarsi dinanzi ad un prosecco o ad un aperitivo. I futuri sposi, ragionando in una clima tranquillo e con la testa più libera dalle preoccupazioni, sapranno trovare il giusto compromesso e mettere ognuno al suo posto, come in un puzzle.

#4 – UN ALBUM DEI RICORDI

Probabilmente la sposa starà tenendo in un cassetto dei ritagli di giornale che svelano le ultime tendenze sugli abiti da sposa e sugli accessori. Chi lo fa non si deve vergognare. È un ricordo anche questo. Anzi, con il passare del tempo o degli anni potrete fantasticare e ridere sulle opzioni che avete scartato, perché quello che avete scelto sarà perfetto per sempre. Se non avete un diario o un quaderno dove segnare le cose da fare, come pensate di mantenere all’interno del vostro cervello ogni informazione? L’album dei ricordi deve contenere anche questi aspetti.

#5 – IL GIUSTO TEMPO PER VOI

Più la data si avvicina e più sale la pressione. Non dovrebbe, ma può capitare che i due futuri sposi si trascurino un pochino. Per evitare che ciò accada è necessario prendersi delle pause e concedersi dei piccoli piaceri come un massaggio o un weekend in un centro benessere.

#6 – COINVOLGERE PIÙ PERSONE POSSIBILI

Saper sfruttare le peculiarità e le attitudini di ogni persona può essere davvero utile. Forse, la parola sfruttare può sembrarvi decisamente forte e fuori luogo, ma così non è. L’abbiamo utilizzata appositamente per farvi capire che nell’organizzazione di un matrimonio si può e si deve contare su più persone possibili. Coinvolgerle nei campi in cui si muovono meglio può essere un aiuto impensabile. Avete una suocera che ha un certo gusto estetico? Lasciate pure che si occupi degli addobbi floreali. State sicure che legherete ancor di più.

#7 – UN PASSO INDIETRO

Ad un certo punto fate un passo indietro. Non vi stiamo suggerendo di rinunciare alle nozze, ci mancherebbe altro. Vi stiamo soltanto dicendo di fare un passo indietro e di osservare come le persone si divertano alle vostre nozze. È andato tutto liscio. È come lo sognavate. È tutto così semplicemente perfetto. È giusto che i coniugi si prendano qualche minuto pieno di intimità per apprezzare il loro giorno e per essere circondati dall’affetto dei cari.

 
 

P.S.: Sogni anche tu una location magica per i tuoi eventi? Allora dovresti passare a trovarci! Il Casale Cinquecento, situato alle pendici dei Castelli Romani, rappresenta la location ideale per matrimoni ed eventi, per tutti coloro che vogliono farsi rapire dal fascino di questa dimora storica, rivisitata in chiave moderna.
Scopri di più
Condividi l'articolo: